Gionata Mirai | Gionata Mirai – Nelle Mani
512
post-template-default,single,single-post,postid-512,single-format-standard,ajax_leftright,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Gionata Mirai – Nelle Mani

In uscita il 21 aprile 2017 per La Tempesta/Casa Lavica, in formato CD e Digitale. A breve saranno annunciate le prime date del tour di supporto all’album che segue il successo del precedente Allusioni

Gionata Mirai ritorna alla dimensione acustica con Nelle Mani, lavoro di un’urgenza debordante. Dal mantra estatico del precedente Allusioni, si giunge a un lavoro che, oggi, si lascia maggiormente permeare da rifrazioni di luce che si traducono in musica. Nelle Mani è una mappa, un perimetro sonoro, un terreno conquistato con fatica e dedizione, un viaggio a tappe. Undici per la precisione, ognuna delle quali cela un piccolo mistero che l’artista accetta di condividere con l’ascoltatore, in un dialogo a tratti serrato, in botta e risposta, che con il passare dei minuti diviene appassionata richiesta di una chiave di lettura alternativa alla propria. E’ narrazione e condivisione al tempo stesso, quando la musica rallenta e apre a squarci di armonioso silenzio. Le stesse mani che assestano schiaffi, ora, carezzano e perdonano. Mani da uomo, capaci di furia, capaci d’infinita tenerezza. Il vortice che ci ha ammaliato nel precedente lavoro rallenta. Mirai ci siede accanto e ci offre racconti intrisi di dicotomie cromatiche, come se ogni brano fosse un dialogo, a volte concorde e armonioso (Fandango), a volte ironicamente contrastante (Ieri). Un lavoro che nasce dalla consapevolezza, dalla volontà di raggiungere l’essenza stessa dell’essere musicista che, nelle proprie mani, ha la sapienza artigiana, il gesto benedicente, la purezza nuda. E nient’altro gli occorre.

 

No Comments

Post A Comment